subconscio

Durante il periodo scolastico, quando dovevo sostenere un compito scritto oppure un’interrogazione importante, mi ripromettevo di ripetere gli argomenti il mattino seguente. La sveglia la programmavo alle ore 5:00(am) e mi svegliavo alle 4:59 un minuto prima che suonasse. Come era possibile? Come facevo ad anticipare il suono della sveglia?

La mia convinzione permetteva tutto questo: ovvero la mia convinzione faceva funzionare meglio il mio subconscio.

L’attività del subconscio è una delle funzioni del nostro cervello. Riguarda cose che non sono al centro della nostra attenzione, nonostante ciò sono registrate( ed osservate) in qualche altra parte della nostra coscienza, cioè nel nostro subconscio.

I grandi traguardi della vita – sia sul lavoro, che nella creatività, nello sport o semplicemente nella conquista della serenità, si raggiungono solo con il supporto pieno e attivo del subconscio.

Avete mai osservato gli occhi di un grande musicista, prima di affrontare i punti culminanti della loro interpretazione? Gli occhi dei pugili, dei saltatori, dei nuotatori prima di affrontare una gara?Gli occhi dei grandi manager prima di mettere a segno il grande affare? Gli occhi del campione di karate che si prepara a spaccare con la fronte cinque mattoni?

Io si, e vi dico che ho notato uno sguardo assente: uno sguardo che sottintende il richiamo del subconscio. E’ il subconscio del campione di karate che gli farà credere di poter fare cose che” tutti sappiamo” che non possono essere fatte( come quella di spaccare cinque mattoni con la fronte).

Certamente noi da profani non potremmo mai spaccare cinque mattoni, tutto deve essere corredato da una tecnica e da un  allenamento(ma ciò è chiaro!)

Sono soltanto esempi per invitare  il nostro subconscio a partecipare.

gestiresubconscio

Annunci

Un pensiero riguardo “Cos’ è il subconscio e come gestirlo

  1. Un classico ai tempi della scuola. Mi ricordo che alle superiori, una notte sognai di essere interrogata in storia… mi svegliai e andai subito a controllare il diario con i compiti: mi ero dimenticata di studiare le pagine assegnate. Lo feci alle 4.00 del mattino e ne valse la pena: fui interrogata e presi sette! Me lo ricordo bene come se fosse ieri. Ne rimasi un po’ sorpresa!!!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...