Siete d’accordo TUTTI con me, che la fiducia del  lettore abituale del nostro blog, non è INFINITA?.La domanda che ci poniamo è sempre la stessa”Come suscitare la curiosità del lettore?” Capita spessissimo anche a noi, che quando  iniziamo a leggere un libro, un articolo di giornale, un post, se esso non è di nostro gradimento,  lo avvertiamo subito e ci comportiamo come quando una persona ci è antipatica, e vogliamo sfuggirle,  guardiamo l’orologio dicendo ” Scusa ma è molto tardi“…e tela fuggiamo a gambe levate!

Se l’attrazione fatale non scatta di primo acchito, allora non scatterà nemmeno dopo. Ci vuole carattere( per la costanza), ci vuole umiltà (correggendo sempre il tiro), ci vuole cuore( per emozionare). I post sono fatti principalmente di parole, il nostro compito è quelle di organizzarle bene( i migliori musicisti hanno appallottolato tanti lavori prima di comporre la sinfonia maestra). Occhiolino a chi è più tecnico: ” Google è un motore di ricerca che Setaccia  Parole“.Quindi….?

Molto sinceramente, penso e dico che Google non è il nostro obiettivo primario, di contro credo (fortemente) e dico che il nostro obiettivo “principe” è il nostro lettore( è lui che merita il posto d’onore!).

Sono d’accordo(in parte) con alcuni miei colleghi blogger, che la tecnologia aiuta, le campagne di marketing online sono importanti, la tecnica  è sacrosanta, le immagini di contorno abbelliscono( io vedo, però, solo una fila enorme di persone,  disposta in fila indiana, che a fatica e claudicante si dirige verso la cima della montagna , bene patrimoniale di un unico  proprietario ” Google”. Con ciò non voglio dire che non ci faccia piacere raggiungere tale risultato, però coloro(sottolineo) che ci sono riusciti, hanno impiegato anni di duro lavoro, si parla minimo di migliaia di post scritti e stilati molto bene( Vedi Aranzulla).

Io personalmente leggo e scrivo per un brivido( fortunatamente non sono il solo!)

Annunci

10 pensieri riguardo “Leggo e scrivo per un brivido

  1. noto (certamente da incompetente) che ci sono dei blog che io stimo di valore, me che hanno pochissimo o nulla “mi piace” (forse perché sono troppo o leggermente impegnativi) e di contro dei blog che giudicherei se non sciocchi, faceti, che invece sono seguitissimi anche se nei fatti non dicono nulla ed apprezzati oltemodo… sono sbagliata io o solo passata di età?

    Mi piace

    1. I blog sono così personali ed i gusti sono così altrettanto soggettivi. Bah …..che risponderti, gli indicatori per giudicare se un blog è di successo sono tanti(non solo i -mi piace-), inoltre dal mio modesto parere, penso che si possano scrivere tematiche impegnative anche con uno stile semplice ed aperto a tutti.
      grazie per il commento
      a presto

      Liked by 1 persona

  2. Io finisco (quasi) sempre quello che inizio a leggere. Questo di tanto in tanto mi ripaga con una pietra preziosa. Raramente. Ma preferisco ingoiare qualche cucchiaio di semolino piuttosto di perdere un tartufo. Ecco. 🙂

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...